Quarto simbolo reiki dai ko myo

28. 03. 2013 -Quarto simbolo reiki dai ko myo tag -

 

dai ko myo

 

Quarto simbolo reiki dai ko myo

 

 

DAI-KO-MYO Il simbolo trasmesso dal Reiki master ai propri allievi, durante il corso del terzo livello A, è un simbolo reiki molto potente, con un grado energetico di livello superiore; è un simbolo che contiene in sè nella sua parte più recondita, una personale forza di luce, che viene attivata tramite l'ntento della persona. Questo modo di attivare un simbolo, viene già spiegato attraverso un corso di secondo livello, dove il Reiki Master,introduce i concetti fondamentali di come usare, e come attivare i simboli in modo corretto. La parte dell'intento rappresenta la sezione dedicata al potere della mente, unita ad una affermazione che rappresenta un target di volontà e raggiungimento di un obbiettivo ben delineato e professato. Nel cosmo, la realizzazione di un evento è sempre legato ad una affermazione ben distinta. Tale obbiettivo è conseguibile però non solo con l'intento e la volontà, ma con il cuore e la fondazione spirituale che ne permette la realizzazione; tale realizzazione è permessa anche da il karma della persona trattata, che ne contempla le condizioni affinchè tale guarigione, sia realizzata, solo con lo scopo di uno stadio di crescita spirituale, che ne permetta un salto di cuore atto ad un miglioramento delle condizioni generali dell'individuo. Quindi se non sussistono tali condizioni, la guarigione è pressochè impossibile, e quindi non dovrete mai chiedervi perchè tale guarigione non è avventuta, o se volete potrete certamente escludere una vostra interferenza ad un processo divino, semprechè la vostra attitudine sia stata all'altezza del compito. Il simbolo del Dai Ko Myo contempla una situazione di chiarezza e silenziosità interiore E' il simbolo usato nelle iniziazioni per armonizzare gli esseri umani all'energia Reiki. Dai Ko Myo apre, illumina, protegge. E' Luce che nutre e riempie, che guida e rende serene le persone. Dai Ko Myo ha anche un significato di : "grande luce splendente", e rappresenta la parte ritimica del cuore pulsante. Nel momento in cui ci si accinge a crescere interiormente ed affrontare la strada del Reiki, si sceglie interiormente di acquisire sempre maggiore esperienza, sensibilità e tatto. Tutto questo serve anche per cimentarsi sempre con maggiori sfide personali, ed altruistiche. Fatta la scelta, che si speri, non sia dettata come spesso accade solo dal desiderio di esibire il proprio pezzo di carta, che per molti versi non ha valore, in quanto molti master non sanno nemmeno come trasmettere i livelli nel modo corretto, quindi le persone stesse non sanno, che non hanno ricevuto nulla, e spesso si chiedono il perchè , o il percome la situazione rimane immutata. Ma non voglio parlare ne trattare ora direttamente un problema che esiste, ed è spesso presente nei fantomatici corsi di Reiki, anche online. La pronuncia del mantra, è altrettanto importante, come l'intento, la verbalizzazione, e l'utilizzo nel contesto specifico. Tale simbolo attraverso una corretta sensibilizzazione energetica, oltre modo al corretto insegnamento di esso, ti porta verso la strada del Maestrato vero e proprio, e quindi ad una scelta ben delineata della vostra vita. Tutti voi dovreste avere una consapevolezza trasmessa dal vostro master nel donare altruisticamente energia ad altri. Dovrete avere sempre umiltà, generosità, attenzione, lealtà e gioia interiore; senza queste principali caratteristiche, mi spiace per tutti voi, ma non pensiate di andare lontano, sarete braccati dalle vostre coscienze. Dopo aver conseguito il secondo livello reiki, ed aver sperimentato il forte desiderio di una crescita spirituale, si incontra questo simbolo di luce, che trasmette una esperienza al cuore più interiore del Reiki (Terzo livello A), con un' iniziazione. Viene quindi definita la parte finale di un percorso, attraverso i vari livelli del reiki, fin dal primo che viene definito come un livello manuale, passando attraverso la "creazione" del secondo livello reiki, sino a terminare ad una fase forte, emozionale, dove l'aspetto spirituale è predominante, e l'essenza dell'insegnamento si traduce nel grande simbolo di luce, un simbolo bello, leale, gioioso, splendente ,pieno di amore e consapevolezza ,che si attiva pienamente solo se siete in concomitanza con il suo equilibrio e diventa dirompente come una cascata, che si quieta solo se lo vorrete voi, dopo un lungo e dirompente flusso..come quando passa una tempesta, e l'aria che arriva dopo è fresca e pulita...come quasi a dire che era importante ottenere un simile risultato a scapito del nostro obbiettivo finale. Questa descrizione assai cafkiana, rende però l'idea di che cosa è un simbolo di forza e di luce, e che non bisogna giocarci con esso. Come già detto in passato, quindi abbiamo il primo Livello Reiki base, dove noi aspettiamo, e quindi lo definiamo "non- fare", in quanto l'energia ha una sua propria intelligenza, ed essa sa già dove andare, e noi possiamo avere la fede in essa che agisca come noi desidereremmo fare. Nel Secondo Livello , dobbiamo usare il nostro volere, la fantasia , la creatività, quindi passiamo ad una fase del "fare". Il Terzo Livello, è tale da permetterci di essere amici dell'energia, di fonderci con essa e di essere partecipi ai suoi miracoli, in pratica si forma un armoniosa unione con essa. Avviene quindi una maturazione interiore dove l'obbiettivo diventa primario, ma dove lo spirito come in un lembo staccato, ma facente parte di noi, dialoga ed interagisce con l'energia cosmica; è come un balletto, dove l'energia ci prende in braccio, ma dove noi dobbiamo ballare con passi ben definiti. Ci attende quindi una serie di momenti di grande concentrazione, distaccata dal mondo reale, ma intensamente immersa nel limbo spirituale, e non possiamo sottrarci alla sua efficacia, alla sua natura, al suo volere, al suo modo univoco di mostrarsi e di operare con tutta la sua bellezza. Immaginate un concerto dove tutti gli strumenti insieme interagiscono con assoluta perfezione e dove migliaia di note, creano un emozione, un'energia di forza e di armonia. Ecco , noi dobbiamo essere quell'orchestra che lavora con perfezione gioiosa di cuore. Solo donando senza limiti, potremo ricevere senza limiti. Sosteniamo quindi, che questo grande simbolo lavora pienamente solo con coloro che appartengono alla grande sfera di amore vero, ma ora non possiamo dire di più, in quanto la delicatezza dell'insegnamento che io riteniamo indispensabile per un master, debba essere insegnato solo a chi veramente ricerca la verità, l'Io finale. Con questo non vogliamo dire che deve rimanere un segreto, perchè riteniamo che tutti debbano avere le possibilità di conoscere la verità, e fare propria l'essenza dell'energia unviversale, ma non veve essere riduttiva e limitata ad una semplice spiegazione, perchè tale non può essere; ci vuole impegno, dedizione,anche sofferenza, perchè il primo passo è guardarsi dentro ed eliminare tante piccole cose, compromessi, vizi, conflitti,ipocrisia, ect... Dai-Ko-Myo ha il suo fulcro nel cuore spirituale, cioè il 4° Chakra. La sua bellezza si può conoscerla solo con il tempo, con una dedizione giornaliera, come un corteggiamento verso colei che deve essere la compagna della vostra vita. Le sue enormi potenzialità potrete conoscerle un po' alla volta, attraverso il vostro intento. I modi di usare il Simbolo maestro sono indicati nei links sotto elencati: Dai-Ko-Myo-come-protezione Dai-Ko-Myo-come-intento Dai-Ko-Myo-come-purificazione Dai-Ko-Myo-come-bilocazione-energetica Dai-Ko-Myo-come-purificazione Dai-Ko-Myo-come-atto-meditativo